Architetture tipiche nei centri minori

Le tipologie architettoniche, specie quelle arcaiche, sono dettate dalla necessità e dall’uso del territorio.
Nel Canale di Brenta in particolare la coltivazione del tabacco, ha condizionato l’architettura di fondovalle e di mezzacosta.

Le case sono normalmente strette e molto alte (quattro a più piani). Molte furono rialzate nelle seconda metà del 1800 per permettere la lavorazione del tabacco nel granaio trasformato in essicatoio. Gli ultimi piani di queste case sono (erano) caratterizzati da ballatoi in legno che così aumentavano la superficie utile.

Il materiale usato era la pietra locale per i muri e il legno per travature, impalcati e scale.
Era frequente la tipologia che vedeva al piano terra la stalla e sopra questa i vani di abitazione.
Queste architetture molte volte sono appoggiate le une alle altre costituendo così il nucleo “urbano” di una contrada.

> Architetture tipiche nei centri minori - PDF, 7.6 Kb

Testo in versione integrale

Data di pubblicazione: 20 agosto 2010
Disqus