Solagna, toponomastica in epoca napoleonica

Mappa toponomastica dal Sommarione napoleonico (1812) sui fogli del Catasto Stabile Austriaco (1812-1833)

Clicca sull'immagine sottostante per vederla ad alta definizione

Clicca sull'immagine sottostante per vederla ad alta definizione

- Aja. Ara, area, spiazzo o aia(Olivieri, p.121). Al plurale ricorre a Campolongo come Leere: le ere (are). Romanzo.
- Asolone. 1085 Sant’Eufemia di Villanova, (Verci C.E. 7, 29 aprile 1085 e Regestum 1262 n. 762); Aguzzo o acuto (Melchiori p. 89).
- Bresaggie, Bresaja, Bresagia: bruciare, sterpare e roncare con incendio: “desectis radicibus atque combustis” (Dumezil 1989, p. 49). Romanzo.
- Broli. A Campese attestato con il diminutivo broeto e broja a Primolano broletto e brolo grande. Campo o orto/giardino recintato con siepi o muri. Nel caso di Campese Broeto è (era) una antica strada delimitata da muri laterali; a Primolano un piccolo orto recintato. “Noti sono i derivati di brogilos> brolo, ant. broilo, franc. breuil (cfr. anche Breuil di Valtournanche) ’parco’ ’giardino’. Origine celtica (connesso col celt. b r o g a ’campo’); nel longobardo:braido; latino medievale: brodulum. Regestum 1262.
- Bruto. (?)
- Callesella. Piccola via, sentiero, tratturo; callis. (Regestum 1262).
- Callesello della chiesa. Piccola via, sentiero, tratturo; callis (Regestum 1262); viuzza che porta all’accesso sud della ‘centa’ della chiesa.
- campione. Slargo, spiazzo terminale dei vallegoni o boali; da campus, da una probabile base indoeuropea camp o cap. Prelatino.
- Campo. Slargo, spiazzo, adibito a pascolo dopo disboscamento; da campus, da una probabile base indoeuropea camp o cap. Prelatino.
- Campo di Roa. Vedi Campo. Roa. Rossa; da roiba medievale a sua volta da rubrum. Colore delle formazioni di calcare ammonitico rosso (Regestum 1262).
- Ceggio, Cejo. Cengia, gradino di roccia.
- Chiesa. [San Giovanni] . Chiesa di San Giovanni sui Coll’alti.
- Chiesa. [Santa Giustina] . Chiesa di Santa Giustina. Diploma di Berengario del 915-917.
- Chissole. Plurale da Guizza; luogo protetto vietato al taglio; Longobardo.
- Cole di san Giorgio. Posto di guardia con l’eremo medievale di San Giorgio.
- Collalti . Dossi pascolivi sulla montagna di Solagna. Feudo della famiglia trevisana dei Collalto -da cui prende il nome-, poi godimento decimale degli Ezzelini (Regestum 1262).
- Collalto Contrada del Calceron. Calceron: affioramento di pietra calcarea adatta anche per produrre calce.
- Collalto Contrada del Campo. Vedi Collato e Campo.
- Collalto Contrada della via di Bossola. Antroponimo dalla famiglia dei Bossola (Bozzola).
- Collalto Contrada di Valpiana. Pianeggiante.
- Collalto valle della Segalla. Luogo adatto alla coltivazione della segale.
- Colle aperto.
- Colle del Grunole; anche Grumole. Gobba, piega; dal longobardo grumm (1497 ASBa, not. Zuanne Stecchin, 28 marzo 1497).
- Colle del Miglio. Luogo adatto alla coltivazione del miglio.
- Cornone alli Rastelli. Corrisponde al ‘muro’ di sbarramento tra la sommità della Bastia e la Torre. Rastello significa ‘cancello’, dal latino rastellus; nel medioevo e fino all’epoca moderna il ‘rastello di sanità è losbarramento che si erige in tempo di contagio a controllo dei confini.
- Cornone. Eminenza montuosa, ‘corno’ ma anche da ‘cornio’ con il significato di collettore delle acque.
- Cornover. Da ‘corno’; in questo caso è lo sperone occidentale della costa delle Bresagge; potrebbe anche essere un fitonimo da ‘cornoler’ (corniolo).
- Cortivi. Da ‘cortivo’ o corte, spiazzo antistante le abitazioni.
- Costa del Rovere. costa di Rovere. Fitonimo dalla presenza do vegetazione spontanea a roverella. 1453
- Costa Lardera. Oggi: Costardara. Da artus: ristretto, serrato, compatto, ripido.E’ una costa molto ripida e dirupata.
- Costa lunga. Lungo crinale
- Covirone. Col viro? o: covolone?
- Fagarotti. Fitonimo da fagus, faggio
- Fontanelle. Idronimo a est dell’abitato di Solagna dovuto alla presenza di colatori provenienti dall’Ara. L’idronimo si ritrova sulla montagna del Calceron per la presenza di piccole sorgenti.
- Grazziole. (?)
- Grotte. Piccole cavità nella puddinga presso la via mulattiera selciata a est di Solagna sotto l’Ara.
- Isola. Scambiata a volte con la contigua contrà della Lovera – Lisiera. E’ contigua alla Brenta: da insula, con il significato di ‘isolato’
- Laste. Scoscendimenti rocciosi caratterizzati da roccia nuda.
- Lombrina. (?)
- Lovera. Contigua all’Isola e alla Brenta. Da rovera? quercia, o fossa luparia?, o invece da alluvies: luogo d’acqua considerando che dalla valle scorre un rivo che alimentava un lavatoio comune (Signori 1995 p. 78).
- Mignano. Da un ariminianum, stanziamento di una arimannia longobarda a guardia del passo tra la Brenta e il Colle di San Giorgio (Regestum 1262 e citazione di arimanni nel Diploma di Berengario del 915-917).
- Mignano al Termine. Il Termine è quello con San Nazario.
- Molino. Installazione paleoindustriale sulla Brenta presso Solagna.
- Nocellari. Italianizzazione di ‘noselari’. Fitonimo indicante la presenza di arbusti di nocciolo.
- Nogarolle. Fitonimo da ‘nogara’, noce. 1401.
- Olmo. Fitonimo dall’omonimo albero. Nella contrada sorgeva l’ospedale di Santo Spirito di Solagna.
- Penise. Pendice, orlo montano. Il toponimo si trova sul fondo valle e sulla sommità dell’orlo roccioso dei monti che racchiudono Solagna.
- Pezze. Da pecia?, suddivisione agricola (Olivieri p. 109). 1541.
- Piagar. Piegar. Da plicatus-are, piegare – avvolgere come il serpente: appropriato per una valle.
- Pianezza. Luogo pianeggiante.
- Piazza. Da platea: via ampia, strada larga all’interno dell’abitato, piazza.
- Porta della Miseria. Detta anche ‘Porta del Canesello della Chiesa’. E’ la porta sud della cinta di Solagna, a Primolano si trova una ‘corte dei poveri’ presso l’ospitale, probabilmente con destinazione analoga di luogo destinato ai poveri.
- Prato. Brolo prativo nei pressi della cinta di Santa Giustina di Solagna (ACP, Inv. Feud., 5 maggio 1333) (Signori 1995, p. 94).
- Rigale, Rigaletto. Da ruga, scabrosità, incisione, può essere un percorso per l’acqua e contemporaneamente un sentiero o passaggio.
- Riva. Da ripa.
- Salvette. Da silva, piccoli boschi intricati.
- San Giorgio. L’eremo e il colle
- Sassi Brutti.
- Sbruja, Sbrujà, anche Sbrugià. Contiguo a Bresagge, con omonimo significato di debbio ottenuto con ‘bosco bruciato’. 1497.
- Scaramoncini, ora: Scramoncini. Antroponimo dall’omonima famiglia.
- Schiesari. Antroponimo dall’omonima famiglia il cui nome indicava il mestiere di castrare i maiali.
- Secchi. Antroponimo dall’omonima famiglia.
- Sega. Centro paleoindustriale sulla Brenta a cavallo del confine con Pove. 1426.
- Selva. Da silva. Bosco intricato sopra il Cornon
- Sguarj. Antroponimo dall’omonima famiglia.
- Termine. E’ quello con Pove, più antico di quello con San Nazario.
- Torre. E’ la torre di difesa del passoforte a sud di Solagna tra la Brenta e il Cornon con la bastia. L’attuale manufatto è attestato nel 1317 (Signori 1995, p. 103). Il luogo ha restituito reperti di età romana imperiale (Carta Archeologica del Veneto)
- Torrione. Torrione roccioso nella valle dei ponti.
- Torrione sotto il Campo. Torrione roccioso alla testata della valle dei Ponti sotto il Campo di Solagna.
- Valle de’ Ponti. E’ la più grande delle convalli di Solagna. Valle dei Ponti si trova anche a Cismon e come questa è profonda e scoscesa. Qui ‘ponte’ è da intendersi come ‘passaggio’ (Pellegrini p.330)
- Valle Orticara. Attestato nel 1336. Fitonimo da urtica? (Olivieri p.66)
- Valle Piana. Sul Collalto. E’ la valle che conduce allo spiazzo pianeggiante del ‘Pianaro’.
- Vezze. Da guizza
- Vigna. Fitonimo. Contrada immediatamente a nord dell’abitato antico di Solagna maggiormente soleggiato.
- Villa di Sopra, Villa di Sotto. Villa in questo caso indica il terreno agricolo tra i due insediamenti di Solagna e di Mignano e si chiamava anche ‘campagna’ (Signori 1995, p. 106); il confine tra ‘sopra’ e ‘sotto’ è il piccolo sperone del ‘cornover’ ( Regestum 1262 n. 762).
- Zoppio. La Z è una italianizzazione da: ‘supio’; analogo a ‘subiolo’ di Valstagna. Significa ‘fontana’. 1512.

Data di pubblicazione: 3 ottobre 2010
Disqus